sabato 30 luglio 2016

RASSEGNA STAMPA: MUSEO ESCOFFIER SUL SETTIMANALE IDEA


Sulle tracce di Escoffier, articolo pubblicato sul settimanale Idea del 28 luglio 2016.
Info sul museo http://fondation-escoffier.org/











mercoledì 1 giugno 2016

LA CONTRO COPERTINA DI TARGATOCN: VECCHI TELEFONI...

Disegno di Danilo Paparelli
Il telefono è un apparecchio confidenziale, alzi la cornetta e ti da subito del tu, tu, tu...
Leggi su www.targatocn.it

mercoledì 20 aprile 2016

mercoledì 23 marzo 2016

LA CONTRO COPERTINA DI TARGATOCN: MODELLE VECCHIO STAMPO

Disegno di Danilo Paparelli
Le ex modelle sono prese a modello

Capita di guardare vecchie foto, dove io bimbetta e soggetto principale, ero in primo piano, e quasi da sfondo si stagliavano nonni e prozii. Appaiono impietosamente vecchi. Eppure avevano una sessantina d'anni. Scorro le foto di mia nonna, in procinto di andare in pensione. Sono i primi anni Sessanta. Anche lei ha l’età in cui, in quei tempi, ci si apprestava ad abbandonare il lavoro, ma ne dimostra almeno una decina in più delle coetanee dei giorni nostri.

2016. A 63 anni, Isabella Rossellini torna a fare da testimonial a una grande casa di cosmetica. Dunque una donna “anzianotta” si affianca alle ragazze giovanissime. Ma guarda. Chi vuole vendere si sta accorgendo che l'Europa, e soprattutto l'Italia, è un paese di attempate. Che sono quelle che hanno ancora soldi da spendere in creme costose anche grazie alle generose pensioni che sono riuscite a ottenere negli anni d'oro. Mentre le ragazze, precarie, mal pagate (non tutte, ma una buona parte sì), lo stesso budget che dovrebbero sborsare per un cosmetico di alta gamma, lo utilizzano per fare la spesa per una settimana.

“La bellezza femminile non ha età” , dice Giorgio Armani che ha chiamato quattro top model ultra quarantenni degli anni Ottanta nella sua ultima campagna pubblicitaria. E' giunta forse  l'ora che ci stiamo dando una mossa? Perché solo gli uomini diventano “più interessanti” invecchiando? E alcuni, addirittura, migliorano?

Perché lo dicono loro, gli uomini, geneticamente programmati a far cascare l'occhio sulla fanciulla in fiore per motivi riproduttivi. Noi donne di una certa età, invece, conviveremmo anche bene con le nostro rughe, i nostri afflosciamenti qua e là, che i problemi seri e gravi, sono ben altri. “Lasciatemi tutte le rughe, non me ne togliete nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele venire”, diceva saggiamente Anna Magnani. Smettiamola di massacrarci con interventi di chirurgia estetica, che danno sempre risultati devastanti, in qualche caso addirittura mostruosi. “Vecchia” non è un insulto,   ma solo un aggettivo.  Che ha una funzione restrittiva o distintiva, cioè limita e distingue all’interno della categoria l’appartenenza (“gli amici vecchi non sono quelli giovani”), oppure ha una funzione descrittiva o intensificatrice, cioè fornisce un puro dato oggettivo o lo enfatizza, quando è posto prima di una parola (“i vecchi amici”, oppure, “di vecchia data”), secondo la definizione che ne fa la Treccani.

Prendiamo invece esempio dalle donne vissute,  ma che non si danno per vinte. Interessanti proprio come gli uomini perché hanno dentro di sé qualcosa che sublima il loro aspetto. Fiere dell'età che passa, cosa contro la quale non ci si può fare niente, se non cercare di viverla con leggerezza.
Personalmente consiglierei ai pubblicitari di chiamare nelle loro campagne, oltre ad ex modelle o attrici (che, per carità vanno benissimo, come la splendida ultrasettantenne Jane Fonda), anche altre donne mature. Artiste, scienziate, imprenditrici, o anche “semplici” e sconosciute casalinghe. Dal volto segnato, anche rugoso, ma dallo sguardo acceso, lucido, brillante. Persone che portano stampate sul volto la loro esistenza - bella o brutta sia stata, non importa- ma che comunichino emozioni e comunque positività nei confronti della vita .

mercoledì 9 marzo 2016

mercoledì 24 febbraio 2016

mercoledì 10 febbraio 2016

lunedì 4 gennaio 2016

LE FOTO DI HENRI CARTIER-BRESSON A NIZZA



Fino al 24 gennaio al Théâtre de la Photographie et de l’Image Charles Nègre di Nizza in mostra 133 fotografie di uno dei più grandi fotografi del XX secolo: Henri Cartier-Bresson.

Nel corso della sua lunga vita (1908-2004) Bresson si è concentrato soprattutto sugli aspetti inaspettati, pittoreschi della vita quotidiana, cogliendo il particolare "stonato" nel contesto normale del momento.

In numerose foto c'è qualcuno che dorme, ma che potrebbe anche essere morto: sta a chi guarda decidere dove stia la verità.

Accanto alle immagini "di strada", in mostra anche alcuni ritratti d'artisti e scrittori: Matisse, Bonnard, Capote, Ezra Pound.









mercoledì 23 dicembre 2015

LA CONTRO COPERTINA DI TARGATOCN: CARO BABBO NATALE...

Illustrazione di Danilo Paparelli
Che cosa scrivere sul Natale che non sia scontato, banale, ovvio, ripetitivo, retorico. O anche troppo dissacrante, entusiastico, commovente, spumeggiante.

Il problema non da poco da affrontare per chi si mette lì a scrivere qualcosa sul Natale è che ogni cosa gli venga in mente di scrivere, è già stato scritto. L'unico escamotage sarebbe di regredire alla 6-7enne che sono stata, perché è a quell'età che i pensieri ti arrivano così, spontanei, anche su argomenti ovvi.

Allora, proviamoci.

“Ciao Babbo Natale.....

Leggi tutto  l'articolo su www.targatocn.it

martedì 15 dicembre 2015

GLI 80 ANNI MANCATI DI FRANCO BRUNA

Autoritratto giovanile
 Oggi avrebbe compiuto 80, essendo nato a Torino il 15 dicembre 1935.  A ricordarlo è in corso una mostra antologica dei  quadri degli ultimi anni alla Galleria Davico Arte in Galleria Subalpina, a Torino
(Foto Silvano Pupella)

(Foto Silvano Pupella)

(Foto Silvano Pupella)

(Foto Silvano Pupella)

(Foto Silvano Pupella)















Ma Franco Bruna è conosciuto soprattutto come insigne caricaturista che ha descritto con pennino e china la storia politica, culturale e sportiva italiana, con disegni pubblicati sui maggiori quotidisni e periodici italiani.